Casi Sporchi

Articolo
Antonio Vairo, morto “per errore” 15 anni fa, attende giustizia.

Antonio Vairo, morto “per errore” 15 anni fa, attende giustizia.

Il 23 Gennaio 2003 alla periferia di Napoli, in via Calata Capodichino, veniva ucciso Antonio Vairo, ambulante in pensione di 68 anni, colpito alle spalle. Vairo, incensurato, pescivendolo in pensione, si trovava all’esterno del circolo ricreativo “Maria Santissima Addolorata”, all’interno del quale si gioca normalmente a carte. Scambio di persona. Sebbene fosse in una zona...

Articolo
I molti misteri della morte di Marco Vannini.

I molti misteri della morte di Marco Vannini.

Senza entrare nel merito di questa vicenda, della quale già stanno disquisendo tutti, senza giungere a nulla, vorrei solamente fare il punto di ciò che personalmente trovo veramente strano. Tutti quegli aspetti per i quali, se fossi nei panni di quei poveri sventurati genitori, vorrei assolutamente dei chiarimenti. Li enumero, così da rendere più semplice...

Articolo
Il lungo “falso” giallo della morte dei “fidanzatini di Policoro”.

Il lungo “falso” giallo della morte dei “fidanzatini di Policoro”.

Tra i tanti morti che attendono giustizia ve ne sono due, due giovani studenti, i cosiddetti “fidanzatini di Policoro”. E, forse, più che attendere giustizia, attendono di poter finalmente riposare in pace, poiché, per quanto mi riguarda, lo ritengo un giallo inesistente, che è divenuto tale solo perché, come spesso avviene, la scena è stata...

Articolo
Morte del Caporale Tony Drago. Si cerca di insabbiare

Morte del Caporale Tony Drago. Si cerca di insabbiare

Della vicenda del Caporale Tony Drago abbiamo già parlato in un precedente articolo, quindi ci richiamiamo a quello per ciòche è stata la sua sfortunata vicenda, fino agli ultimi sviluppi proprio di questi giorni. Sviluppi che hanno dell’incredibilmente vergognoso. Se la Procura Militare ha ritenuto fondate le richieste dei legali della famiglia di Tony, disponendo...

Articolo
1996, Chiavari: una giovane massacrata nell’ufficio dove lavorava. Caso irrisolto

1996, Chiavari: una giovane massacrata nell’ufficio dove lavorava. Caso irrisolto

Una delle tante indagini condotte malissimo che ha portato ad un delitto irrisolto, quello della 25enne Nada Cella, l’ormai lontano 6 maggio 1996, avvenuto nel suo ufficio, a fianco della scrivania. Nada, infatti, da 5 anni era segretaria nello studio di Marco Soracco, giovane commercialista di Chiavari, ridente città della riviera del levante genovese. Uccisa...

Articolo
La misteriosa scomparsa di Dolores “Dora” Lombardi Di Stefano

La misteriosa scomparsa di Dolores “Dora” Lombardi Di Stefano

Sono molte, decisamente troppe, le donne di cui improvvisamente si perdono le tracce, così, da un momento all’altro, in pieno giorno, senza alcun segnale premonitore, inghiottite non si sa bene da cosa. Una di queste è Dolores Lombardi. Dolores “Dora” Lombardi Di Stefano scompare da Bresso (Mi) durante una calda mattina di luglio, per la...

Articolo
Il potere del DNA. Meraviglie e limiti delle investigazioni scientifiche. Ne parliamo con un esperto.

Il potere del DNA. Meraviglie e limiti delle investigazioni scientifiche. Ne parliamo con un esperto.

  Il caso Yara-Bossetti ha portato alla ribalta le investigazioni scientifiche, facendo diventare tutti “esperti”. Ovunque si discetta di DNA, tutti hanno da dire, tutti argomentano. La chiusura di molti casi dipende ormai solo dai risultati delle evidenze scientifiche, talvolta sottovalutando quelli che invece sono i riscontri provenienti da investigazioni più tradizionali. Ma va sempre...

Articolo

Morte dello studente Domenico Maurantonio: a due anni di distanza, caso archiviato

Domenico Maurantonio caso chiuso: il gip di Milano Paolo Guidi ha archiviato l’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti, come richiesto dai pm Alberto Nobili e Giancarla Serafini. Ricordiamo la vicenda: una scolaresca delle classi 5E e 5Fdel liceo padovano Ippolito Nievo, un cosiddetto “liceo bene”, in gita a Milano per visitare l’Expo. Le camere prenotate...

Articolo

Il mistero della morte di Daniela Roveri. Una vita tra casa, lavoro e palestra.

205 persone sentite, tra parenti, amici e vicini di casa, ma gli accertamenti non hanno portato a nessun risultato, e per gli investigatori sembra difficile inquadrare l’ambito privilegiato cui sui concentrarsi. Stiamo parlando dell’omicidio di Daniela Roveri, 48 anni, bella dirigente alla “Icra spa” di San Paolo d’Argon, nella bergamasca, uccisa con una coltellata alla...

  • 1
  • 2