Casi Sporchi

Articolo
Omicidio Lidia Macchi: un altro errore giudiziario?

Omicidio Lidia Macchi: un altro errore giudiziario?

Risolvere un caso vecchio di decenni è decisamente impresa ardua. I testimoni non ricordano più con precisione, muoiono, le prove spariscono misteriosamente o vengono deliberatamente fatte distruggere, i luoghi mutano, la comune percezione dei fatti si modifica, insomma diventa tutto terribilmente difficile. Ma certi orribili fatti di cronaca devono trovare una fine, anche per dar...

Articolo
Strage di Erba. Le parole di Azouz Marzouk.

Strage di Erba. Le parole di Azouz Marzouk.

Come avrete, spero, ben compreso dai miei articoli sulla tristemente famosa vicenda che tutti ormai conoscono con il nome de “La strage di Erba”, sono da sempre convinta sostenitrice della tesi innocentista. Purtroppo le ultime tappe di questa storia sono ancora una volta oltremodo sfavorevoli ad Olindo Romano e Rosa Bazzi. La Corte di Cassazione...

Articolo
Sto lavorando per voi!

Sto lavorando per voi!

Forse i miei pochi lettori si saranno chiesti che fine ho fatto, dal momento che non sto più pubblicando da un po’ di tempo. Ci sono, non mi sono dimenticata di voi, anzi! Da qualche mese sto lavorando su un paio di argomenti che mi stanno assorbendo parecchio, dal momento che non mi limito a...

Articolo
MICHELE TOLLIS, un padre alla ricerca della verità.

MICHELE TOLLIS, un padre alla ricerca della verità.

“C’è chi perdona ma non dimentica, c’è chi dimentica, ma non perdona. Io non dimentico e non perdono”. Così si legge, tra l’altro, sul suo profilo social. Poche frasi, secche, che non si prestano ad essere fraintese, com’è lui: classe 1947, di Ascoli Satriano, provincia di Foggia, uomo dall’apparenza quasi scontroso e di poche parole,...

Articolo
INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. I protagonisti ieri e oggi. (terza parte)

INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. I protagonisti ieri e oggi. (terza parte)

Pietro “Wedra” Guerrieri, il tatuatore. Con lui iniziano i saldi Viene arrestato anche Pietro Guerrieri, 28enne tossicomane con il cervello ormai cotto da cocaina e chissà che altro. Una vita diventata un incubo, dopo quella maledetta notte: due ricoveri per problemi psichiatrici (psicosi acuta esogena, la diagnosi), il terrore di poter essere ucciso in ogni...

Articolo
INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. I protagonisti ieri e oggi. (seconda parte)

INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. I protagonisti ieri e oggi. (seconda parte)

Mario Maccione “Ferocity”, attualmente scrittore. Nasce nell’aprile 1980 da una normalissima famiglia della piccola borghesia. La famiglia vive a Cologno Monzese e poi a Brugherio, nell’hinterland, e qui Mario, ancora minorenne, conosce le persone che daranno vita con lui alle “Bestie di Satana”. Una storia lunga nove anni, dal ’95 al 2004. Era il medium...

Articolo
INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. Cosa fanno oggi le “Bestie di Satana”.

INGIUSTIZIA E’ STATA FATTA. Cosa fanno oggi le “Bestie di Satana”.

Recentemente ho approfondito la bruttissima vicenda delle “Bestie di Satana”, gruppo di assassini seriali della provincia di Varese, responsabili di induzione al suicidio e vari omicidi di matrice satanista, che riempirono le pagine di cronaca nera e colpirono profondamente l’opinione pubblica italiana. Furono 4 le morti accertate (tre omicidi e un suicidio indotto) e 18...

Articolo
Nadia Ridolfo. Una morte passata sotto silenzio. Vittima di serie B

Nadia Ridolfo. Una morte passata sotto silenzio. Vittima di serie B

Nadia Ridolfo scompare nel settembre del 2005 all’età di 32 anni. E’ separata dal marito, abita a Rescaldina, paese vicino Saronno, in provincia di Varese. Ha un passato di tossicodipendente dal quale non sembra esserne del tutto uscita. Sparizioni e ritrovamenti Infatti, poco tempo prima di sparire, Nadio Ridolfo era stata notata, anche durante la...

Articolo
Omicidio Alina Cossu:  unici indizi una Fiat Ritmo e delle Marlboro.

Omicidio Alina Cossu: unici indizi una Fiat Ritmo e delle Marlboro.

Dobbiamo fare un viaggio a ritroso nel tempo e ritornare al 10 Settembre 1988. Ormai sono passati 30 lunghi anni, l’Italia è profondamente cambiata, ma evidentemente non cambia un certo modo di fare le indagini: male, in modo superficiale, trascurando fattori importanti. Ma torniamo ai fatti, l’unica cosa certa: una giovane e brava ragazza, Alina...

Articolo
Il giallo di Torre de’ busi. E’ Roberto Guzzetti il vero assassino di Maria Adeodata Losa?

Il giallo di Torre de’ busi. E’ Roberto Guzzetti il vero assassino di Maria Adeodata Losa?

  Ci sono storie che rimangono confinate negli stretti ambiti di una piccola provincia, pur avendo tutte le caratteristiche del grande giallo nazionale. Solo le cronache locali hanno riportato, lo scorso mese di gennaio, la condanna inflitta dalla Corte d’Assise di Como, giunta a metà pomeriggio, dopo due ore di camera di consiglio, a Roberto...