Giustizie e Ingiustizie

Articolo
Il terzo uomo. Altri misteri non svelati sulla strage di Erba.

Il terzo uomo. Altri misteri non svelati sulla strage di Erba.

Il siriano, Khalouf Abdulkarim, quello che abita sotto nella palazzina, dice di essere stato avvisato dell’incendio da un non meglio precisato vicino di circa 25/30 anni che NON AVEVA MAI VISTO PRIMA, che dall’esterno gli aveva bussato alla finestra della cucina per avvertirlo del fuoco. Glauco Bartesaghi, il vicino volontario vigile del fuoco, aveva affermato:...

Articolo
Ilaria Cavo, Olindo e Rosa colpevoli e gli elefanti che volano.

Ilaria Cavo, Olindo e Rosa colpevoli e gli elefanti che volano.

Nei giorni scorsi, durante una puntata di Quarto Grado, Ilaria Cavo, giornalista, ora assessore alla Regione Liguria, ha contestato diversi punti dell’intervista rilasciata da Rosa Bazzi all’inviato Antonino Monteleone delle Iene, eccoli: 1) Si domanda, Ilaria Cavo «come avrebbe potuto riferire  Rosa Bazzi dettagli “inediti” in ordine ad una particolare ferita a danno della povera...

Articolo
Considerazioni da persona qualsiasi sul caso di Marco Vannini.

Considerazioni da persona qualsiasi sul caso di Marco Vannini.

Sulla triste vicenda di Marco Vannini avevo già scritto e mi ripromettevo di non farlo più, ma continuo a rimuginare su quanto i Ciontoli raccontano di quella sera e continuo a fare alcune considerazioni diciamo “raso terra”, da totale profana di balistica, criminologia, tecniche investigative, ecc. ecc. Considerazioni da persona qualsiasi. La storia della morte...

Articolo
Olindo e Rosa: chi sono davvero?

Olindo e Rosa: chi sono davvero?

Esempio di pessima informazione. Spacciare questo filmato per “la confessione”. In questi ultimi giorni, grazie ad alcuni servizi de “Le iene”, si è tornato a parlare della strage di Erba e di quelli che sono per la maggior parte delle persone gli assassini: Rosa Bazzi e Olindo Romano, in carcere con l’ergastolo. Da anni sostengo,...

Articolo
Una strage dimenticata. La strage di Caselle

Una strage dimenticata. La strage di Caselle

Il pomeriggio del 3 gennaio del 2014 in pochi minuti a Caselle Torinese viene sterminata un’intera famiglia: Claudio Allione, 66 anni, la moglie Mariangela Greggio, di 65 e l’anziana madre di lei, la 93enne Emilia Campo Dall’Orto. A salvarsi è solo il figlio di Claudio e Mariangela, Maurizio che quel giorno era in Valle d’Aosta...

Articolo
LIDIA MACCHI: un altro errore giudiziario? Parte terza.

LIDIA MACCHI: un altro errore giudiziario? Parte terza.

Le perquisizioni A casa di Binda vengono eseguite numerose perquisizioni. Durante quella del 25 settembre 2015 vengono anche sequestrate un’agenda verde del 1987, dove nei primi giorni c’è scritto “Sestriere” e il giorno 7 “Lidia”, ed un’agenda marrone del 1983 contenete fogli manoscritti. Tra le carte di Stefano viene anche ritrovata una foto di Lidia....

Articolo
Omicidio Lidia Macchi: un altro errore giudiziario? Parte seconda

Omicidio Lidia Macchi: un altro errore giudiziario? Parte seconda

Come è morta Lidia? L’autopsia dirà che la giovane è morta dissanguata e soffocata dal sangue che le ha riempito i polmoni: nessun colpo fu letale. Fu lasciata morire; una morte che sopraggiunse in una ventina di minuti, secondo il referto del medico legale. Non mi sento di commentare, ma mi pare strano che non...

Articolo
Approfondimenti sulla strage di Erba. Parliamo delle liti tra Raffa e Rosa.

Approfondimenti sulla strage di Erba. Parliamo delle liti tra Raffa e Rosa.

LE LITI TRA RAFFAELLA E ROSA Daniela Messina ,  ex vicina di casa, durante udienza del 22.02.2008: DOMANDA – Lei dalle sue finestre, dall’appartamento vedeva transitare i vicini di casa? RISPOSTA – Sì. Poi, sempre in udienza: RISPOSTA – Nel senso che li ho sentiti discutere, anch’io ho avuto delle discussioni con Raffaella e quindi...

Articolo
MICHELE TOLLIS, un padre alla ricerca della verità.

MICHELE TOLLIS, un padre alla ricerca della verità.

“C’è chi perdona ma non dimentica, c’è chi dimentica, ma non perdona. Io non dimentico e non perdono”. Così si legge, tra l’altro, sul suo profilo social. Poche frasi, secche, che non si prestano ad essere fraintese, com’è lui: classe 1947, di Ascoli Satriano, provincia di Foggia, uomo dall’apparenza quasi scontroso e di poche parole,...